[g] Foto Gallery 
 
[c] Contattaci 
 
 
[q] domande? 
 
 
 
[h] Home 
fotografie di Olgiate Molgora
 
 
 
CONOSCERE OLGIATE: PERSONAGGI
Amalia Gola (poetessa)
Amalia Gola Sola era figlia del Conte Gianludovico Sola Cabiati, ultimo rappresentante della famiglia Serbelloni.

Fu una storica dell'arte e poetessa.
Della sua poesia dialettale dice Ferdinando Cesare Farra:

"Notevole è in questa poetessa (e filologicamente interessante) l'uso di arcaismi (essa stessa si definisce «purista»), in parte come deliberata ed amorosa volontà di conservazione delle locuzioni ataviche, in parte come conseguenza di una lunga consuetudine col nostro maggiore e più autorevole lessico meneghino."

Le sue opere furono:

1954 Poesie Milanesi - Ed. Ceschina, Milano
1966 Milan al ciar d'on ciarin (Poesie milanesi)
1969 A mes a mes (Poesie milanesi) - Bramante Editrice, Milano
1973 Il fiamminghino. Il pittore tragico: Giovanni Mauro della Rovere ed. Ceschina

Ecco alcuni versi di Amalia Gola:

Fevrée


A sgenèe e a Fevrèe
Ancamò la nev ai pee.
A Genar se fan i pont,
e a febrar tell li chi je romp!
Quattes su cont i scialett,
metti tucc el pret in lett,
che sto frègg no ghe pardonna
l'è gelos al par de donna!

Corr, corr, corr, e borla giò !
Che gh'è on giazz de romp el coo!
Fioeu e asnin fann mularia,
tutt el borla in de la stria.
Frecc de biss, de la malora!
Basta mett el nas de foeura,
Te s'et ross come on galbèe,
Senten no la terra i pee.

(da Amalia Gola Sola, A mes a mes. Poesie milanesi, Milano, Bramante Editrice, 1969)
 
 
 
   
grafica di contorno grafica di contorno