[g] Foto Gallery 
 
[c] Contattaci 
 
 
[q] domande? 
 
 
 
[h] Home 
fotografie di Olgiate Molgora
 
 
 
CONOSCERE OLGIATE: PARROCCHIE
Santo Patrono
San Zeno da VeronaIl Santo Patrono di Olgiate Molgora è San Zeno (Zenone) da Verona e si celebra il 12 aprile.

San Zeno o Zenone, secondo la "Cronaca", leggenda medioevale di Coronato, fu un notaio veronese vissuto sulla fine del VII secolo, originario dell'Africa settentrionale, più precisamente della Mauritania.

Tale provenienza, mancando una documentazione certa, è stata confermata dal tenore dei suoi scritti, che rispecchiano lo stile e la sostanza di tanti altri celebri autori, dell'effervescente Africa dell'epoca, come Apuleio di Madaura, Tertulliano, Cipriano e Lattanzio.

Non si sa, se egli giunse a Verona con la famiglia, né il motivo del trasferimento; d'altra parte bisogna considerare che nel IV secolo, dopo la fine delle grandi persecuzioni contro i cristiani, la Chiesa prese davvero un respiro universale, con scambio, viaggi e trasferimenti, di personaggi di grande dottrina e santità, si ricorda che africani erano s. Venanziano († 367) vescovo di Aquileia, Donato prete in Milano, il grande sant'Agostino, Fortunaziano, ecc.

Si è ipotizzato che Zeno fosse figlio d'un impiegato statale finito in Italia settentrionale, a seguito delle riforme burocratiche volute dall'imperatore Costantino; altra ipotesi è che Zeno si trovava al seguito del patriarca d'Alessandria, Atanasio, esule e in visita a Verona nel 340.

Rimasto nella bella città veneta, Zeno (Zenone il suo nome originario), avrebbe fatto vita monastica, fino a quando nel 362, fu eletto successore del defunto vescovo Cricino, divenendo così l'ottavo vescovo di Verona, il suo episcopato durò una decina d'anni, perché morì il 12 aprile del 372 ca.
 
La conferma del culto di s. Zeno o Zenone, si ha da un antico documento, il "Rhytmus Pipinianus" o "Versus de Verona", un elogio in versi della città, scritto fra il 781 e l'810, in cui si afferma che Zeno fu l'ottavo vescovo di Verona e poi c'è il cosiddetto "Velo di Classe", dell'ottavo secolo, una preziosa tovaglia conservata a Ravenna, in cui sono ricamati i ritratti dei vescovi veronesi, fra i quali s. Zeno.

Il papa s. Gregorio Magno, alla fine del VI secolo raccontò un prodigio avvenuto in città, attribuito alla potente intercessione del santo; verso il 485 una piena del fiume Adige, sommerse Verona, giungendo fino alla chiesa dedicata a san Zeno, che aveva le porte aperte; benché l'acqua del fiume avesse raggiunto l'altezza delle finestre, non penetrò attraverso la porta aperta, quasi come se avesse incontrato una solida parete ad arginarla.

L'eleganza dello stile dei suoi Sermones, accomunata alle espressioni sovrabbondanti e all'improvvisa mescolanza di lingua letteraria e di volgare, fece si che san Zeno fosse definito il "Cicerone cristiano".

Condusse con le sue predicazioni, trascritte da qualche suo discepolo nei "Sermones", vivaci battaglie contro i Fotiniani (ariani) e la rinascita nelle campagne, del paganesimo (dovuta soprattutto all'apostasia di Giuliano); le sue prediche erano affollate da neoconvertiti ma anche da pagani, attratti dalla sua abile oratoria.

Dal panegirico pronunciato da s. Petronio vescovo di Bologna, nella prima metà del V secolo, nella chiesa dove riposavano i resti del santo, si apprende che Zeno fu vescovo insigne per carità, umiltà, povertà, liberalità verso i poveri; sollecitava con forza clero e fedeli alla pratica delle virtù cristiane, dando loro l'esempio.

Costruì a Verona la prima chiesa, che si trovava probabilmente nella zona dell'attuale Duomo, dove si riconoscono le tracce dei primi edifici cristiani; si tratta della chiesa già citata, che prodigiosamente non fu allagata dalla piena del fiume Adige nel 588, e per questo fu donata a Teodolinda, moglie di re Autari, che fu testimone oculare dell'avvenuto prodigio.
Alla consacrazione furono presenti, il re Pipino, figlio di Carlo Magno, il vescovo di Verona, quelli di Cremona e Salisburgo, più una folla immensa.

Agiografia tratta dal sito Santiebeati.it
 
 
 
   
grafica di contorno grafica di contorno